CoderDojo Lecce in trasferta a Tolentino per l’evento nazionale #CuoreDojo

Anche il gruppo di mentori leccesi, ha partecipato all’evento nazionale denominato CuoreDojo. Si è trattato di un evento di solidarietà per le zone colpite da sisma. Il cuore dell’Italia del Coding, si è fatto avanti . eccovi il comunicato condiviso

“Comunicato dei CoderDojo delle Marche sul CuoreDojo di sabato 18 febbraio 2017 – Tolentino (MC)

Sabato 18 febbraio 2017 a Tolentino (MC) presso l’I.C. “G. Lucatelli” si è svolto il CuoreDojo, un’iniziativa che ha visto i CoderDojo italiani (ovvero una rete di club gratuiti di programmazione per la gioventù) coinvolti in azioni di solidarietà per portare momenti di gioia e divertimento ai bambini e ai ragazzini colpiti dal terremoto attraverso l’organizzazione di laboratori di informatica, elettronica e robotica educativa.

Grazie alla disponibilità della Dirigente Scolastica, dell’animatore digitale e dei docenti delle scuole Lucatelli, King e Rodari e al supporto dell’Amministrazione Locale, è stato possibile organizzare in contemporanea, nel corso dell’intera giornata, un’offerta ludico-formativa articolata in 53 distinte sessioni che ha coinvolto sia i bambini della scuola dell’infanzia, sia gli alunni della primaria e della secondaria di primo grado.
Per gli insegnanti sono stati organizzati due appositi momenti di approfondimento definiti TeacherDojo.
Sono stati coinvolti non meno di 700 alunni e 80 insegnanti.

Il CoderDojo regionali hanno partecipato con entusiasmo all’evento. Erano presenti: il CoderDojo Tolentino (che ha coordinato l’organizzazione in loco) , i CoderDojo di Ancona, Fabriano, Osimo, Pesaro, Recanati e San Severino Marche.
A questi si sono uniti i CoderDojo di Bologna, Brianza, Cento, Colleferro, Cosenza, Foligno, Fossò, Lecce, Milano, Perugia, Rimini, Roma SPQR, San Felice sul Panaro e Sigillo per un totale di 55 mentor (così vengono definiti i formatori di questi club), tutti arrivati — anche dopo molte ore di treno o auto — con tanta voglia di mettersi in gioco per fare del proprio meglio per i più piccoli di Tolentino.

Durante i laboratori sono stati utilizzati software edu-creativi adatti per il “coding” e hardware appositamente messi a disposizione dai CoderDojo partecipanti: oltre 10 schede elettroniche equipaggiate con microcontrollori e led, 20 computer portatili da affiancare a quelli già presenti nel laboratorio scolastico, alcune decine di robot e di kit di costruzioni robotizzati.

L’esperienza è stata, per tutti, altamente formativa. I bambini erano contentissimi davanti a computer e a robot con cui hanno avuto modo di imparare giocando e facendo (learning by doing). I feedback raccolti sono stati positivi e in molti casi anche commoventi.
Tra i mentor provenienti da ogni parte d’Italia si è instaurata fin dai primi istanti un’atmosfera basata su collaborazione, condivisione, dialogo e allegria.

L’evento è stato organizzato su base totalmente gratuita e volontaria, con i partecipanti che hanno affrontato personalmente le spese di viaggio e pernottamento, con l’unico intento di portare solidarietà all’Italia ferita da un terribile terremoto che ha lasciato le popolazioni colpite in uno stato di impotenza e smarrimento senza eguali.

Noi dei CoderDojo Locali ci sentiamo di ringraziare infinitamente il gran cuore di chi, da lontano, ha voluto essere partecipe al dolore delle Marche: grazie grazie grazie a tutti: CoderDojo Bologna, Brianza, Cento, Colleferro, Cosenza, Foligno, Fossò, Lecce, Milano, Perugia, Rimini, Roma SPQR e Sigillo.
Sono stati unici e speciali!”

E’ arrivato Ottobre, mese della @codeweekEU

Come ormai da qualche anno, il mese di Ottobre significa CodeWeek, la settimana europea della programmazione. Dopo l’ottimo risultato italiano del 2015 in termini di eventi organizzati e soprattutto di persone coinvolte, il 2016 punta ad essere l’anno dei record, anche grazie al coinvolgimento di tanti insegnanti in tante scuole di tutta Italia.
Il sito di riferimento è codeweek.it, pieno di spunti, di risorse e di guide per la corretta partecipazione all’evento.
I nostri volontari, guidati dal nostro champion Piersoft Paolicelli (coordinatore della codeweek per la Regione Puglia), saranno quest’anno in giro per il territorio salentino per supportare i tanti che vogliono partecipare con entusiasmo a questa bellissima iniziativa.
Se avete ancora dei dubbi, se volete un consilgio o un aiuto, contattateci e cercheremo insieme di diffondere le buone pratiche del coding e della coolness 🙂

Happy codeweek a tutti!
Codeweek

Xdojo 2015 – Il @coderdojo per tutte le età

Occhi incuriositi, felici e da cui traspare la voglia di imparare; sorrisi, applausi e complicità dei genitori……è questo lo scenario che si vive a Palazzo Turrisi a Lecce, domenica 8 Novembre 2015, durante il nostro coderdojo inserito nel programma Xoff – conversazioni sul futuro.

Locandina Xdojo2015
Una giornata no stop che coinvolge bambini e ragazzi dai 7 ai 17 anni e che li avvicina al mondo dell’informatica e alla programmazione in modo divertente, grazie alla cooperazione e all’aiuto dei coetanei, coder più esperti o dei genitori.

Si inizia con i più piccoli: bambine e bambini dai 7 anni hanno prima modellato e poi realizzato i propri disegni tramite stampe in 3D. A seguire il format consolidato delle nostre sessioni coderdojo: cercare di stimolare la fantasia dei piccoli per creare storie e giochi in libertà utilizzando Scratch, un software che facilita l’avvicinamento all’informatica in maniera divertente e interattiva. E’ sempre bello vedere i loro sorrisi quando i personaggi sullo schermo si comportano come loro hanno pensato!

Stampanti #3D, modellizzazione e programmazione, porte aperte al futuro. Primo appuntamento della giornata del programma…

Posted by XOFF – Conversazioni sul futuro on Domenica 8 novembre 2015

Nel pomeriggio abbiamo introdotto Arduino: con le ragazze ed i ragazzi che frequentano le scuole medie abbiamo utilizzato una versione modificata di Scratch (ScratchBot) che, attraverso la classica interfaccia facilitata a blocchi, riesce a comandare tutti i pin della scheda Arduino. L’esercizio è stato quello di accendere dei led e azionare dei motorini, per mostrare come si possa realizzare un sistema interattivo per costruire dei sistemi di controllo che interagiscono con la realtà circostante. Dopo pochi minuti già ci chiedevano come collegare altri sensori per creare altre applicazioni 🙂

Più tardi sono arrivati ragazze e ragazzi delle scuole superiori che hanno sperimentato con il prof. Umberto Talamo la programmazione di Arduino con il software creato appositamente. Il passaggio da ScratchBot alla IDE ufficiale è ostico per alcuni; è stato un primo passo, ce ne saranno altri allo scopo di creare applicazioni anche molto complesse, che daranno molte soddisfazioni a chi le crea.

In conclusione della giornata, i ragazzi del Liceo Pepe di Ostuni, guidati dai prof. Paola Lisimberti e Mimmo Aprile, hanno portato in scena Alice in Wonderland. Cosa centra con con il coding ? A ballare, in simbiosi con gli studenti, erano i robot della Lego!

Ecco il video completo dell’esibizione:

#Salentowebtv #LecceCorderDojoQui da Palazzo Turrisi terminiamo il nostro live con la performance “Robots in Wonderland” dei ragazzi del Liceo Scientifico “Ludovico Pepe” di #Ostuni che tramite una programmazione dei Robots, auto costruiti, si muovono secondo una specifica traiettoria, coordinadosi tra di loro. Bravissimi!

Posted by Salentoweb.Tv on Domenica 8 novembre 2015

Grazie a tutti i bimbi, ai loro genitori, alle maestre e professoresse che da ogni parte del Salento ci hanno raggiunto per una giornata nostop dai 7 ai 17 anni che penso ci ricorderemo per molto tempo, passando da Scratch a Arduino, da MakeyMakey a Lego Evo che danzano insieme ai liceali.

Grazie a tutti gli amici. Dal DAF per la modellazione 3D, ai super profs Umberto Talamo Paola Lisimberti Mimmo Aprile, grazie agli amici fotografi di ShotAlive, a tutto il gruppo del TEdXLecce e Xoff, ai volontari, ai mitici mentor Salvatore Totino Longo, Salvatore Maletesta Iliana Morelli, Marisa Lococciolo, alla super Gabriella Morelli che immagina scenari sempre più inclusivi. Un grazie particolare al champion

Operaio della cultura digitale.

Posted by Francesco Piersoft Paolicelli on Domenica 8 novembre 2015

Grazie amici. Questa è la prova che quando si usa il digitale per diffondere cultura digitale, si crea vera innovazione sociale.

Amici champion

Ecco infine il video dell’intera giornata, con interviste e contributi live

#LecceCoderDojo #salentowebtvOggi abbiamo seguito Lecce CoderDojo dedicato ai piccoli programmatori del futuro,…

Posted by Salentoweb.Tv on Domenica 8 novembre 2015

Tutorial base 2 di Scratch con argomento Arte e Geografia

Eccovi il tutorial: https://goo.gl/c98jmG

Il tutorial propone i monumenti più famosi delle città capoluogo di provincia pugliesi.
ovviamente si può estendere a qualsiasi luogo o monumento o argomento.
E’ bene introdurre il concetto di licenza d’uso per le immagini monumentali, che secondo la legislazione italiana non possono essere usate a scopo di lucro.

La sessione pasquale di @coderdojo: il racconto di @gabrimorelli

Il 2 Aprile è stato il nostro evento pasquale presso un Liceo Classico: come mai siamo in un Liceo? La Prof. Francesca Mello ha partecipato in passato ad una sessione Coderdojo a Surbo e si è subito innamorata della metodologia, invitandoci a tenere una sessione nella sua scuola.

Abbiamo così deciso di stupire gli studenti (e i bambini) portando una serie di attrezzature tecnologiche (lego, arduino, makeymakey, etc): lo stupore invece è stato nostro!

Il perchè ce lo spiega Gabriella Morelli, mentor e ‘quota analogica’ (è una sua definizione 🙂 ) di Coderdojo Lecce.

E’ stata anche l’occasione per indossare le nuove magliette donate da Alessandro Perchinenna

Magliette

 

 

Camilla. Liceo Classico Virgilio di Lecce. L’ho conosciuta qui durante il nostro primo Coderdojo in un liceo classico.

Piero, Iliana, Salvatore, Totino ed io ci siamo dati appuntamento di buon mattino al liceo insieme ad un paio di mentor e di maker che seguono il gruppo di Lecce. A ll’ingresso esterno della scuola ad accoglierci ci sono dei murales molto belli fatti dai ragazzi: le caricature di Dante e Virgilio in formato gigante sono lì a dirci che questo non è un liceo classico come tutti gli altri. E infatti questa scuola ci ha sorpreso.

….

Articolo già pubblicato su digitalchampions.it

Babbo Natale con Arduino al XmasDojo

Il 27 Dicembre 2014 abbiamo organizzato a Surbo la nostra sessione natalizia di Coderdojo, durante la quale è venuto a trovarci un Babbo Natale tutto particolare

Babbo Natale Arduino

costruito dal nostro mentor Pipeppu 🙂

Di seguito ci spiega come costruirlo.

Per questo piccolo esperimento ho utilizzato:

  • Arduino uno
  • tre micro servomotori
  • una marionetta da stampare di Babbo Natale trovata su internet
  • e per dar vita a tutto il nostro carissimo Scratch in una nuova veste: Scratchbot (http://app.makeblock.cc/program/scratch/) ovvero come programmare Arduino da Scratch in pochi e semplici passi.

Ma ora andiamo per gradi.

Prima fase: costruire la struttura

Stampiamo e incolliamo il Babbo Natale su di un cartone da imballaggio, successivamente ritagliamo le sagome delle braccia , delle gambe e del busto con particolare attenzione alle incisioni da dove dovranno spuntare le teste dei servomotori.

Babbo

Con la colla a caldo e il cartone realizziamo dei sostegni a “C” e li incolliamo al busto, fissiamo i servomotori all’interno dei sostegni sempre mediante la colla a caldo.

babbo1

Incolliamo le braccia e le gambe ai braccetti a corredo dei servomotori.

babbo2Fissiamo gli arti al busto e il Babbo è fatto!babbo3

Per far stare in piedi il Babbo Natale io ho approfittato del Meccano di mio figlio per costruite una struttura di sostegno. Qui si conclude la fase Art Attack.

Seconda fase: i collegamenti elettrici

Per realizzare i collegamenti elettrici ho utilizzato:

  • una breadboard,
  • dei cavetti
  • Arduino

lo schema è molto semplice:

collegamenti

Il connettore del servomotore

servo

Terza fase: dar vita a Babbo Natale

Stabilire una comunicazione tra Scratchbot e Arduino è molto semplice, basta collegare Arduino al PC e avviare Scratchbot il quale riconosce automaticamente il modello di scheda Arduino che stiamo utilizzando, a questo punto selezionando la porta COM che normalmente si utilizza per programmare Arduino eseguiamo l’Upgrade del Firmware.

firmware

Alla fine dell’upgrade può essere necessario ristabilire la connessione selezionando nuovamente la porta COM.

Se la connessione è andata a buon fine nello Scripts Robots, il pallino da rosso sarà diventato verde.

verde

Di seguito il codice che permette ai servomotori di ruotare per far muovere le braccia e le gambe di Babbo Natale e farlo ballare.

code

Al pin 12 e 13 sono collegati i servomotori delle braccia, al pin 11 il servomotore delle gambe.

Quando si clicca sulla bandiera verde i servomotori si avviano e si portano a 0 gradi attendono 0,2 secondi e ruotano nuovamente per portarsi a 45 gradi, attendono 0,2 secondi e ruotano ancora per portarsi a 180 gradi e si fermano concludendo il ciclo.

motori

Per concludere ho modificato un bellissimo gioco in Scratch scaricato dal sito della community e l’ho programmato in modo da far ballare il mio nuovo amico Babbo Natale al raggiungimento di un dato punteggio di gioco.

gioco

Infine la descrizione del funzionamento direttamente dalla voce dei protagonisti 🙂

#TedxDojo: Coderdojo nell’ambito di ArteFare Futuro e della #GFEWeek

Uno ad uno, hanno sfilato 64 ragazzi di età compresa tra i 7 ed i 13 anni davanti alla postazione organizzata per la loro registrazione e la consegna della liberatoria da parte dei genitori.
Il fermento e l’eccitazione erano ai massimi livelli: i ragazzi erano irrefrenabili!!!
Ad attenderli, oltre ai volontari del Coderdojo Lecce c’erano Carmelo Presicce, Champion di Coderdojo Bologna e rappresentante italiano di Coderdojo in Europa e Agnese Addone, Champion di Coderdojo Roma e portavoce di Coderdojo Italia.

E’ in questa cornice che, domenica 26 ottobre 2014 a partire dalle ore 16:00, si è svolta una sessione di CoderDojo, ribattezzato ‪‎TedxDojo‬, nell’ambito del programma di ArteFare Futuro, presso il Centro Montessori Lecce, sito in viale Aldo Moro 30/4 a Lecce.

Coderdojo

Dalle 9:00 alle 12:00 si è svolta, invece, la sessione di Coderdojo Mentor (adulti) dedicata ad insegnanti, genitori e “curiosi”, i quali hanno sperimentato quanto sarebbe stato proposto ai ragazzi nel pomeriggio. Tutti erano “emotivamente” coinvolti e interessati alla “novità” disciplinare del Dojo: è stata, infatti, l’occasione per dialogare insieme dell’utilizzo possibile del “metodo” Coderdojo nella scuola, a casa o in attività sociali.

Tedxdojo_mentor

L’evento era anche inserito nella Google for Entrepreneurs Week.

GFEWeek-poster-01

Infatti i ragazzi, oltre a cimentarsi con Scratch, grazie ad un kit donato da Google sono stati coinvolti in attività di “tecnologia applicata”, utilizzando schede MakeyMakey e circuiti morbidi. Quello che è successo è stato un delirio di creatività (cit. Carmelo 🙂 ) dove i bambini hanno sperimentato i primi principi di making.

I feedback ricevuti sono stati tutti positivi ed i bambini, i genitori e gli insegnanti presenti ci hanno chiesto di replicare a breve (anche in altri Comuni, alcuni di fuori provincia) l’esperienza.