Un CoderDojo nel programma di @tedxlecce: #TedxDojo il 26/10. Iscrizioni aperte, posti limitati

Sono aperte ufficialmente le iscrizioni al CoderDojo, ribattezzato ‪#‎TedxDojo‬, di Domenica 26 Ottobre 2014 nell’ambito di XOFF Lecce.

Presso il Centro Montessori Lecce in viale Aldo Moro 30/4 doppio appuntamento con Coderdojo, movimento no-profit internazionale che aiuta i bambini e i ragazzi ad avvicinarsi alla programmazione informatica in maniera divertente e creativa, attraverso la costituzione di club gratuiti e aperti a tutti. Coderdojo rende consapevoli i bambini della loro potenzialità ed energia, facendo loro sperimentare l’utilizzo della creatività per la risoluzione di problemi e a proporre alternative. Dalle 9 alle 12 incontro Coderdojo Mentors (adulti) e dalle 16 alle 19 Coderdojo bambini (età 7/13 anni) – (50 posti disponibili – prenotazione obbligatoria). Per iscrizioni compila questo form

Coderdojo in … Comune a Surbo (LE)

Passata l’estate torna Coderdojo Lecce!

Il prossimo dojo è in programma a Surbo (LE) in una location tutta particolare: la Sala Consiliare del Comune. L’evento è inserito nel programma della festa patronale ed è previsto per sabato 20 Settembre alle ore 9.30. L’appuntamento per i mentor è giovedì 18 Settembre alle ore 16.00 sempre in Sala Consiliare.

Coderdojo a Surbo

Per iscrizioni compilare il modulo online goo.gl/szFBlS.

Per informazioni inviare una mail a coderdojolecce AT gmail dot com.

We are so cool! 🙂

Lecce augura lunga vita a CoderDojo Roma che compie un anno!

«La prossima sfida, ragazzi, è fare click sulla cinciallegra e fare in modo che emetta dei suoni appena compare sullo schermo. Come si fa? Scegliete i suoni che trovate nella libreria e associateli allo sprite» fa Marco Giordano, 48 anni, ingegnere elettronico, insegna a L’Aquila musica elettronica e ha fondato il Nume (nuova musica per l’educazione), con cui porta la didattica della cultura digitale e della composizione nelle scuole. Per Luca, Annalisa, Antonella, Andrea è un gioco da ragazzi: neanche il tempo che Marco finisca di parlare che la stanzone dell’ex cartiera Latina nel parco dell’Appia Antica si riempie di suoni di uccelli (e non) da far invidia alla foresta pluviale.

Continua a leggere le emozioni del primo #compledojo su ischool.startupitalia.eu

@agaddone e @tarmelop spiegano bene le potenzialità di CoderDojo

Agnese Addone e Carmelo Presicce sono i champion (volontari che mantengono attivi e portano avanti i club) rispettivamente di CoderDojo Roma e Bologna.

I genitori sono invitati a tenersi ad una certa distanza e nel ruolo di osservatori, vengono motivati a resistere alla tentazione di intervenire direttamente per aiutare i propri figli, spiegando e dimostrando loro che ce la faranno anche da soli o con l’aiuto degli altri bambini.

Leggi l’intero articolo su unitn.it

Perché un CoderDojo anche a Sigillo (PG) ?

Ce lo spiega Caterina Moscetti, insegnante di Scuola Primaria e champion di CoderDojo Sigillo in un bellissimo articolo.

Sigillo è immerso nel Parco del Monte Cucco: natura&tecnologia, un binomio interessante e che guarda al futuro.  Per poter valorizzare i propri territori utilizzando, anche, la tecnologia occorre stimolare nei ragazzi lo sviluppo del  pensiero divergente, la creatività e le competenze digitali.

Leggi l’articolo completo su cowinning.it.

Agnese Addone (Coderdojo): «Insegnavo ai bimbi l’italiano, oggi con me programmano il loro futuro»

Agnese Addone, laureata in storia, è la responsabile romana di Coderdojo. Quando ha iniziato ad insegnare come maestra di italiano e storia nell’Istituto Comprensivo Alfieri – Lante della Rovere di Roma non sapeva nulla di programmazione. Un giorno la sua preside le ha chiesto di cambiare tutto ed iniziare a insegnare matematica. Si è rimessa a studiare e tra un corso di aggiornamento e l’altro la passione per il mondo dei numeri cresceva sempre di più.

Continua a leggere l’articolo su ischool.startupitalia.eu

 

Agnese Addone
Agnese Addone

Iniziano ad arrivare i primi commenti dai genitori

La nostra mentor Alessia riferisce le impressioni del papà della più piccola partecipante al primo evento Coderdojo Lecce:

…credo che due messaggi le siano giunti.

Il primo è che quello che appare su un computer è frutto della mente di un uomo. E che un pupazzzetto che si muove sul monitor lo fa in virtù di quello che un uomo gli ha detto di fare. Per un nativo digitale di 5 anni forse questo non è affatto scontato.
Il secondo è che esiste un modo, la programmazione, attraverso il quale è possibile creare un gioco a proprio piacimento.
Un’esperienza quindi certamente positiva e stimolante.

Personalmente ritengo poi che sia questa la direzione da seguire per superare il paradosso di una società che vive di tecnologia ma che è, nel contempo, analfabeta di tecnologia…

E ancora, una giovane mamma di due “supereroi” di 6 e 9 anni che hanno partecipato a Coderdojo Lecce:

Facciamo solo in modo di portarlo avanti (n.d.r. Coderdojo) perché insieme all’inglese è il futuro dei nostri figli

🙂